Club Alpino Italiano - Sezione di FRASCATI

Gruppo di Alpinismo Giovanile

 

 

Ex ferrovia Spoleto-Norcia

 

15 marzo 2009

 
clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine La ex stazione di Caprareccia clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine HOME

BACHECA

LE NOSTRE IMMAGINI

La ferrovia a scartamento ridotto a trazione elettrica Spoleto Norcia, attivata nel 1926, aveva caratteristiche di ferrovia alpina per il notevole dislivello superato, per le gallerie elicoidali, per le gole strettissime e i viadotti sospesi su impetuosi torrenti.
Una ferrovia da “fiaba”, che finalmente riuscì a rompere il lungo isolamento dei paesi della Valnerina.
Sin dagli anni della sua costruzione, la Spoleto-Norcia, fu considerata un gioiello d’ingegneria, soprattutto per il perfetto accostamento tra progresso e ambiente.
Ciò nonostante, a causa degli elevati costi di gestione, effettuò l’ultimo viaggio il 31 luglio del 1968.

Nella nostra escursione abbiamo percorso uno dei tratti più suggestivi della ferrovia, quello tra la stazione di Caprareccia e S. Anatolia di Narco in Valnerina, che in 10 km scende da quota 590 a quota 300 slm, in un autentico zig-zag tra i fossi Vallegiana e Scentelle.

A Caprareccia abbiamo incontrato i nostri amici del CAI Spoleto: Sergio, Armando, Paola e Pippo, che ci hanno accompagnato per tutto il tragitto e allietato con i racconti delle loro esperienze.

I ragazzi hanno camminato sul pietrame dell'antico tracciato della ferrovia senza battere ciglio, hanno superato le numerose gallerie, buie e umide, divertendosi ad esplorarle con l'aiuto della luce frontale in cerca di pipistrelli e concrezioni sulle pareti, hanno raccolto sassi-ricordo e, alla fine, patatine per tutti in un bel circolo di chiacchiere seduti in un bar di S. Anatolia di Narco.

Donatella OLIVIERI

clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine
clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine
clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine
clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine
clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine
clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine Il paesaggio è pieno di piccoli e antichi caselli, viadotti e gallerie.  Ce n’è anche una molto particolare, lunga 450 m e ad andamento elicoidale, che inizia dopo un ponte e sbuca alla base di uno dei piloni dello stesso.
clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine clicca sulla miniatura per ingrandire l'immagine
   

Coordinatrice: Donatella Drago
tel. 06 9424303 cell. 347 6606448

e-mail donatella.drago@alice.it